Riccardo de Bernardinis

Ciao, sono Riccardo de Bernardinis,  Founder di Ernesto e BuytronCome CEO e imprenditore del web, il mio scopo è semplice: ispirare menti brillanti per sfruttare le loro passioni permettendo loro di avere la vita di successo che sognano. So che in molti hanno il desiderio di realizzare i propri sogni scegliendo coraggiosamente di agire, ma per farlo serve motivazione.

Conosco bene questa storia, perché l’ho vissuta e la sto vivendo.

Durante la mia adolescenza ho frequentato diversi corsi nelle più importanti Città americane tra cui Miami, Boston, Los Angeles e San Diego.

Un momento definitivo per me è stato quando sono andato la prima volta a Los Angeles a studiare a UCLA, li ho scoperto una nuova filosofia di vita e imprenditorialità.

Questa esperienza è diventata una forza trainante per me. Ho capito che una vita materialmente ricca ma senza scopi è come un sogno vuoto. Sapevo che il mio lavoro non era stato fatto.

La mia passione per gli Stati Uniti, mi ha portato ad iscrivermi alla John Cabot University, la migliore università americana in Italia.
La mia scelta di rimanere in Italia durante un primo periodo di studio è legata alle affiliazioni familiari, sebbene il il desiderio di iniziare una nuova vita in un altro continente mi ha spinto a studiare e pensare in grande.

Ho lasciato l’università poco prima di laurearmi, per iniziare il mio nuovo percorso. Mi è stato detto che non avrei potuto farlo, e che sarei stato da solo. Tuttavia, ho avuto questo stimolo per stringere i denti e continuare sempre ad andare avanti. Sapevo che la strada scelta era la più rischiosa e quella non tradizionale, ma io sono sempre stato uno che vuole vivere una vita al di fuori dell’ordinario.

Ad oggi posso dire di aver creato una grande realtà, ma non senza superare ostacoli, paura e dubbi sulle decisioni da prendere.

Il mio background non era quello che sembrava ardito per un successo oltraggioso. Ho iniziato la mia missione per arrivare in cima, facendo quello in cui credevo e dando voce alla mia generazione. 

All’inizio ho sbagliato! Mi è servito. Ma continuavo a spingere, fondando la prima piattaforma per i servizi della casa Ernesto.

Ho continuato a lavorare, ho mantenuto la mia mente focalizzata, e non mi sono dato pace fino a quando Ernesto non ha raggiunto i 100.000 iscritti.

Adesso ho 23 anni, e negli ultimi anni ho investito, costruito e sostenuto diversi business in settori diversi. Ho venduto servizi a casa, Apps, frutta, Booking di artisti e realizzato eventi facendo amicizia con innumerevoli personaggi importanti di qualunque settore.

I premi materiali sono importanti, ma ancor più importante è la filosofia di condividere ciò che ho imparato con gli altri.

La cosa che mi piace di più è poter condividere le mie esperienze incoraggiando nuovi imprenditori aspiranti a raggiungere i loro sogni e il successo. Quando fondai Ernesto.it , l’ho fatto con il mio Team. Il tuo passato non importa, quello che importa è il tuo desiderio e la tua motivazione. Credo con la giusta passione, concentrazione e visione, chiunque possa vivere questa vita.

Voglio dimostrare che è possibile fare quello che ho fatto,  basta farlo con la giusta mentalità e motivazione.

La mia missione è innovare apportando benefici agli utenti di tutto il mondo.
La mia filosofia è usare il digitale per rendere il mondo analogico più semplice.

Prendendo la strada più difficile è normale trovare difficoltà lungo il percorso, ma la mia missione è sostenerti durante quel viaggio.

Attraverso un percorso di mentorship composto da articoli, foto e racconti di esperienze, spero di offrire contenuti preziosi per sostenere la tua avventura nell’imprenditorialità.

Se hai fame di gloria e successo, e sei deciso a diventare uno di quelli che cambierà il mondo in meglio sei nel posto giusto. La strada è tua. La tua passione è unica. Solo tu puoi realizzare quello che stai sognando. Sono qui per fornirti strumenti utili, opportunità di concettualizzare, lanciare e far crescere la tua idea in modo soddisfacente. Motivazione.

Articoli

Cosa è il growth hacking? 📈

growth business

Growth hacking (o anche Growth marketing) è l’approccio non tradizionale per aumentare il tasso di crescita e l’adozione nel mercato del vostro prodotto/servizio.

Si tratta di sperimentare idee diverse e di amministrare o concentrarsi su quelle più scalabili.
Sean Ellis , la persona che ha coniato il termine “Growth Hacking”, afferma: “Un Growth Hacker è una persona il cui vero obiettivo è la crescita”. Il lavoro principale di un Growth Hacker implica l’esame di come ogni cosa avrà un impatto sulla crescita di un’azienda.
Ecco qualche trucco e consiglio per essere un vero Simile a un marketer digitale, un hacker di crescita deve essere un professionista in social networking, scrittura di blog, contenuti, UI / UX, marketing virale, SEO, ricerca e analisi.

1. Lista di controllo della Skillset

Di quale tipo di abilità hai bisogno per diventare un Growth Hacker ? Essenzialmente, un Growth Hacker è un marketer con idee creative , capacità analitiche e un po ‘di conoscenza dello sviluppo.
Simile a un marketer digitale, un Growth Hacker  deve essere un professionista in social networking, scrittura di blog, contenuti, UI / UX, marketing virale, SEO, ricerca e analisi.
La differenza principale tra lo sviluppo hacking e il marketing digitale risiede nel fatto che il marketing digitale è focalizzato sul brand e sul posizionamento dell’organizzazione, mentre la strategia di hacking della crescita implica il processo di prototipazione rapida e test di diverse tattiche e idee. 

2. Rompere le regole

L’arma segreta del Growth Hacker è semplice e facile: sii un violatore delle regole. Il Growth Hacking è tutto merito della giusta mentalità di crescita. Mi spiace dirtelo, ma il Growth Hacking non viene fornito con una serie di regole.
Il lavoro richiede di pensare fuori dagli schemi e di scatenare la tua creatività.

3. Segui i tre comandamenti

Ogni idea / strategia deve essere guidata dai tre comandamenti di hacking della crescita menzionati di seguito:

1. Cosa vuole il tuo cliente?

2. Dove risiede il tuo cliente?

3. Che lingua parla il tuo cliente?

Una volta capito queste tre cose, puoi focalizzare il tuo obiettivo sul laser. Con strumenti come Xtensio , puoi capire attentamente il tuo potenziale cliente.

Sapendo esattamente chi è il tuo catalizzatore, creare personaggi è molto importante e questo determinerà il destino dei tuoi sforzi come Growth Hacker. La creazione della persona è la parte cruciale e deve essere fatta con attenzione; è la base dei tuoi sforzi di marketing. La maggior parte delle startup falliscono al giorno d’oggi perché non riescono a capire i loro potenziali clienti e semplicemente mirano i loro sforzi di marketing verso la clientela non necessaria.

4. Prestare attenzione al modello AAARRR

Il modello AAARRR è un modello di Growth Hacking, può anche essere definito come un modello metrico di comportamento del cliente che consente di monitorare il percorso e la crescita del cliente. Questo, a sua volta, ti consente di ottimizzare la crescita della tua azienda. Il modello non è pensato solo per i Growth Hacker, ma può essere applicabile anche ai professionisti del marketing. I Growth Hacker sono responsabili di tutte queste sei fasi nell’imbuto di crescita AAARRR. Queste fasi includono:

  1. Consapevolezza  : renditi visibile. Le persone sanno chi sei? Quali sono le diverse tattiche che puoi utilizzare per ottenere il branding e la visibilità della tua organizzazione? Questo indicherà il posizionamento della tua azienda / marca.
  2. Acquisizione  : con quale facilità le persone possono trovarti? Qual è la percentuale di accesso? Se la risposta è nientemeno che raramente e meno ,allora stai facendo qualcosa di sbagliato. Sperimenta con diversi canali, tattiche e analizza i risultati. Capirai presto cosa funziona e cosa no.
  3. Attivazione  : le persone hanno una buona prima esperienza? A loro piaceva l’offerta e l’UI / UX della pagina web? I test A / B, che richiedono feedback e idee creative, dovrebbero funzionare qui. Non vuoi vedere un’alta frequenza di rimbalzo per le tue pagine web.
  4. Fidelizzazione  : i clienti tornano da te dopo l’esperienza iniziale del tuo prodotto / servizio? In caso contrario, stai facendo qualcosa di sbagliato con i tuoi canali di conservazione come email, SMS, retargeting, ecc. E l’onboarding. Le caratteristiche del prodotto potrebbero non essere così attraenti e quindi meno interesse e meno click-through.
  5. Entrate  : i visitatori vengono aggiornati dal piano gratuito all’abbonamento a pagamento? Maggiore è il numero di utenti che scelgono di eseguire l’aggiornamento; più entrate guadagni. Assicurati che il prodotto abbia incredibili proposte di valore e che tu le stia trasmettendo correttamente.
  6. Referral  - Se ai clienti piace quello che stai offrendo, ti rimanderanno ai loro colleghi, amici, ecc. Lo stanno facendo? Se no, perché no? A cosa manca la motivazione? Il lavoro dei Growth Hacker è di capire le risposte per tutti questi questi, come in un’indagine. Questo è estremamente importante, poiché il passaparola è una delle strategie di crescita più efficaci. Potresti chiedere ai tuoi clienti già esistenti di riferire agli altri e parlare del tuo prodotto / servizio attraverso alcuni programmi di incentivi.

 

5. Sii creativo – Pensa sempre alla ‘crescita’

Per essere un Growth Hacker , è necessario essere consapevoli, creativi e intelligenti. È fondamentale conoscere strumenti e segreti per una crescita esponenziale in modo più rapido e migliore.

Il Growth hacking per le startup

Il Growth hacking è un ottimo metodo per far crescere le start-up.
Dal momento che tutte le decisioni sono basate sulla sperimentazione, è abbastanza infallibile e molto meno rischioso del marketing tradizionale e dello sviluppo del prodotto.
Un’altra differenza tra il Growth hacking e il marketing tradizionale è che include il percorso completo dell’utente, dall’acquisizione al riferimento. Non si tratta solo di avvicinare il traffico, ma anche di fare in modo che queste persone scoprano il tuo prodotto, si innamorino di esso e rimangano utenti fedeli per un lungo periodo: il che ha un impatto maggiore sui profitti piuttosto che sul traffico.

 

Vuoi sapere più sul Growth hacking? Seguimi sul mio blog!

contatti riccardo de bernardinis mobile giovani

Consigli per giovani imprenditori🏆

giovani tips startup

Nonostante tutto quello che si pensa, la più grande risorsa dei giovani imprenditori è l’età. Essere “più anziano” non ti rende necessariamente “migliore”, ma l’esperienza ti fornisce le informazioni necessarie per muoverti con sicurezza nel settore. In altre parole giochi conoscendo già le regole del gioco. Per i giovani, invece, l’approccio è tutto diverso.

I giovani vedono la vita da un altro punto di vista

Quando sei giovane, tendi ad essere più istintivo che logico, perché a differenza di una persona più grande non hai tante conoscenze a portata di mano. Quindi un giovane imprenditore, nel bene o nel male, è costretto a prendere decisioni basate sull’istinto, su ciò che sembra più giusto e più ovvio in quel momento.

La mia esperienza e i consigli per i giovani

A 25 anni, mi considero anche io un giovane imprenditore. La mia attività principale, la startup Ernesto, che sta diventando un’impresa leader nel settore dei servizi domestici, ogni giorno mi pone davanti numerose sfide, ma anche tante soddisfazioni.

giovani e coraggiosi imprenditori

Basandomi sulla mia esperienza, vorrei dare alcuni semplici consigli a tutti i giovani che sognano di diventare imprenditori, primo tra tutti non scoraggiatevi! “Stay Hungry. Stay Foolish.”

  1. Segui le tue passioni. Le startup di maggior successo sono fondate da persone appassionate a ciò che fanno. Quindi quali sono le tue passioni? Dal kayak alla musica, le cose che ti interessano di più possono essere una grande fonte di ispirazione per le idee imprenditoriali. Quando basi il tuo business su qualcosa che ami veramente, sarai più concentrato e motivato.
  2. Studia il tuo mercato. Per evitare un fallimento è necessario conoscere a fondo il mercato di riferimento prima di iniziare con l’attività. Quanto meglio comprendi il tuo mercato di riferimento, tanto più facile sarà evitare costosi fallimenti.
  3. Preparati a fare sacrifici. Il successo non si costruisce in una notte. Persino le startup multimilionarie che sembrano spuntare fuori dal nulla sono il risultato di innumerevoli ore di duro lavoro prima che inizino a fare notizia. Diventare un imprenditore di successo richiede un intenso livello di dedizione, e questo significa sacrificare tempo e denaro per realizzarlo. Potrebbe non essere divertente rinunciare alle maratone notturne di Netflix o alle feste del fine settimana con gli amici, ma poi i risultati ripagheranno ogni rinuncia.
  4. Crea un team forte. Nessun uomo è un’isola, e neanche nessun giovane imprenditore. Cerca di formare un team appassionato e preparato, che ti dia una mano reale nelle operazioni più spinose e complicate.
  5. Diventa un pianificatore. La domanda “dimmi il tuo piano quinquennale” è spiacevole per tutti, ma per essere un imprenditore di successo, hai bisogno di una buona capacità di pianificazione. Ponendoti degli obiettivi da raggiungere nel tempo, migliorerai la concentrazione e la responsabilità, rendendo molto più facile rimanere focalizzato su ciò che deve essere fatto.

Vuoi sapere più sul mondo dei giovani imprenditori? Seguimi sul mio blog!

contatti riccardo de bernardinis mobile giovani

Comfort zone: combattila!⚡️🥇

superare i limiti e uscire dalla comfort zone

A tutti noi è capitato di leggere articoli sulla comfort zone e sul perché è così difficile uscire da questa routine confortevole e sicura. Con un po’ di comprensione e allenamento, tutti noi possiamo superare questo limite e fare qualcosa di meraviglioso.

Ma cos’è esattamente la comfort zone? Perché siamo a nostro agio con le nostre abitudini, ma quando affrontiamo cose nuove, ci sentiamo subito spaventati? Infine, quali benefici possiamo ottenere dall’abbattimento della nostra zona di comfort, e come possiamo farlo? Rispondere a queste domande è un compito arduo, ma non impossibile.

Iniziamo.

La scienza della comfort zone e perché è così difficile lasciarla

La comfort zone è uno spazio in cui le tue attività e i tuoi comportamenti si adattano a una routine che riduce al minimo lo stress e fornisce uno stato di sicurezza mentale. 

L’idea di comfort zone risale ad un classico esperimento di psicologia. Nel 1908, gli psicologi Robert M. Yerkes e John D. Dodson spiegarono che uno stato di relativo benessere crea un livello costante di prestazioni. Al fine di massimizzare le prestazioni, tuttavia, abbiamo bisogno di uno stato di relativa ansia, uno spazio in cui i nostri livelli di stress sono leggermente superiore al normale. Questo spazio è chiamato “Ansia ottimale” e si trova appena al di fuori dalla nostra comfort zone. Troppa ansia e troppo stress ci portano invece a essere meno produttivi, e la nostra performance così cala bruscamente.

Vista in questo modo la comfort zone non è una cosa negativa, ma uno stato naturale a cui la maggior parte delle persone tende.

Cosa ottieni quando ti liberi dalla comfort zone e provi cose nuove

L’ansia ottimale è quel luogo in cui la produttività e le prestazioni mentali raggiungono il loro apice. Tuttavia, “aumento delle prestazioni” e “aumento della produttività” sembrano  voler dire “fare più cose”. Cosa ottieni veramente quando sei disposto ad uscire dalla tua comfort zone?

  • Sarai più produttivo. Il comfort uccide la produttività perché senza il senso di disagio che deriva dall’avere scadenze e aspettative, tendiamo a fare il minimo necessario per tirare avanti. Perdiamo la spinta e l’ambizione di fare di più e imparare cose nuove. Cadiamo anche nella “trappola del lavoro”, in cui ci fingiamo “impegnati”, come un modo per rimanere nelle nostra zona di comfort ed evitare di fare cose nuove. Spingerti al di la de i tuoi confini personali può aiutarti a raggiungere prima il tuo obiettivo e a trovare modi più intelligenti di lavorare.
  • Gestirai meglio cambiamenti nuovi e inaspettati. Una delle cose peggiori che possiamo fare è fingere che la paura e l’incertezza non esistano. Assumendo rischi in modo controllato e sfidando te stesso, puoi sperimentare parte dell’incertezza in un ambiente controllato e gestibile.
  • Troverai più facile superare nuovi limiti. Diventerà più facile col passare del tempo riuscire a superare nuovi limiti. Quando esci dalla tua comfort zone, ti abituerai a quello stato di ansia ottimale. Il “disagio produttivo”, diventerà più normale per te, e sarai disposto a spingerti più lontano rispetto a prima.
  • Troverai più facile fare brainstorming e sfruttare la tua creatività. Quando proviamo nuove esperienze, acquisiamo nuove conoscenze che si scontrano con quelle che abbiamo già e che ci forzano a ripensare a concetti che già si trovavano nella nostra mente.

i modi per uscire dalla comfort zone

Come uscire dalla comfort zone

Ecco alcuni modi per uscire dalla tua comfort zone:

  • Fai le cose di ogni giorno in modo diverso. Prendi una strada diversa per andare a lavorare. Prova un nuovo ristorante senza aver prima controllato TripAdvisor. Anche un piccolo cambiamento, può modificare la tua prospettiva. Cerca sempre l’insegnamento che proviene da ogni cambiamento, anche se è negativo. Non scoraggiarti se le cose non funzionano come pianificato.
  • Prenditi il ​​tuo tempo per decidere. Rallenta, osserva cosa sta succedendo, prenditi il ​​tuo tempo per interpretare ciò che vedi e poi intervenire. A volte solo difendere il tuo diritto a prendere una decisione consapevole può spingerti fuori dalla tua zona di comfort. Pensa prima di reagire.
  • Fidati di te stesso e prendi decisioni rapide. Può sembrare una contraddizione, ma la comfort zone è una cosa personale, quindi chi è abituato a ragionare troppo prima di prendere una decisione dovrebbe imparare a seguire l’istinto. Così facendo imparerai a fidarti del tuo giudizio.
  • Fallo a piccoli passi. Ci vuole molto coraggio per uscire dalla comfort zone, non aver paura di iniziare lentamente. Se sei un po’ ansioso, non devi raccogliere il coraggio per chiedere alla tua cotta un appuntamento, basta dire ciao a loro e poi partire da lì. Identifica le tue paure e poi affrontali passo dopo passo .

Ci sono molti altri modi per estendere i tuoi confini personali, come imparare una nuova lingua, fare volontariato o fare il viaggio che hai sempre sognato, ma provare cose nuove è difficile. Se così non fosse, uscire dalla comfort zone sarebbe facile.  Tuttavia, non puoi vivere fuori dalla tua comfort zone tutto il tempo. Devi tornarci di tanto in tanto per elaborare le tue esperienze e per ricaricare le batterie in uno spazio sicuro.

Se l’articolo ti è piaciuto vieni a scoprire il mio blog, supereremo nuovi limiti insieme!

Legge d’attrazione 🙋🏻‍♂️💫

come funziona la legge d attrazione

Si dice che la legge dell’attrazione abbia l’abilità di attrarre ciò che più desideriamo. E contrariamente a quanto si possa pensare, davanti a scelte difficili, abbiamo tutte le capacità necessarie per affrontarle e far sì che si mettano in atto i nostri sogni. Una volta appresa la legge dell’attrazione per i propri vantaggi, la tua visione del mondo cambierà radicalmente.

Dai vita al tuo sogno imprenditoriale

Si dice che la legge dell’attrazione abbia l’abilità di attrarre ciò che più desideriamo. E contrariamente a quanto si possa pensare, davanti a scelte difficili, abbiamo tutte le capacità necessarie per affrontarle e far sì che si mettano in atto i nostri sogni. Una volta appresa la legge dell’attrazione per i propri vantaggi, la tua visione del mondo cambierà radicalmente.

Come utilizzare la legge dell’attrazione?

Il desiderio di successo nella carriera è una delle cose principali che attrae molte persone a seguire la legge dell’attrazione. E molto spesso la prima cosa da fare è avere un’idea chiara e precisa, su cui dedicarsi, per la partenza del proprio business. Per questo motivo sii estremamente preciso riguardo ciò che vuoi. Infatti più sei specifico quando fissi i tuoi obiettivi, più è probabile che tu li raggiunga. Pensa a questo quando stai progettando un piano aziendale o di marketing e assicurati di scrivere tutti i dettagli specifici che desideri facciano parte della tua nuova impresa. Nel farlo, chiediti quali siano i valori e le convinzioni su cui basare la tua attività e su cosa le persone possono contare su di te; questa è la tua “promessa del marchio” e ti aiuta ad affinare ulteriormente la tua visione.

Quindi, concediti di immaginare quanto sarà grande e quando la tua attività avrà successo. Mentre lo fai, però, fai attenzione a evitare la trappola comune di concentrarti su ciò che non vuoi! Quindi, se senti un senso di paura o immagini mentali di insuccesso che si insinuano, fermalo deliberatamente e sposta la tua attenzione sul piano positivo che hai per la tua nuova attività. Ad esempio, prima di iniziare a creare Ernesto e Buytron, già stavo attraendo i progetti nella mia testa.

fidati delle tue intuizioni

Mantieni alta la tua motivazione

Quando metti in atto un atteggiamento scontroso o ansioso, ottieni subito negatività  nei tuoi confronti – questo è ciò che accade quando smetti di alimentare la tua motivazione. Al contrario se affronti le tue preoccupazioni con un atteggiamento favorevole, puoi aspettarti solo cose positive in cambio.

Pensa al desiderio di iniziare una nuova attività e continua ad alimentare la tua motivazione per raggiungere questo obiettivo. Questo ti aiuterà a mantenere sempre alto l’impegno durante il tuo percorso di crescita lavorativa.

Se riesci a mantenere l’entusiasmo e la curiosità per ciò che il nuovo business potrà fornirti, i tuoi clienti si sentiranno allo stesso modo e continueranno a diffondere quel messaggio positivo ad altri potenziali clienti. Inoltre, mantenere alta la motivazione può aiutarti a costruire una vita migliore sotto tutti gli aspetti, influenzando non solo la tua attività, ma anche la tua salute e le tue relazioni.

Incomincia a fidarti di te stesso

Molti imprenditori che hanno utilizzato la legge dell’attrazione, come strumento di successo, hanno visto e seguito le proprie intuizioni. Ciò significa che devi tenere d’occhio tutte le nuove opportunità che si presenteranno nuove  per sviluppare e promuovere la tua attività. Una volta che hai messo a fuoco la tua intenzione di creare un business, segui le tue intuizioni e la naturale predisposizione del tuo istinto.

E se qualcosa una situazione non ti dovesse sembrare giusta o dubbia, fidati anche di questa sensazione! Quando sei totalmente sintonizzato sui tuoi obiettivi e sei totalmente impegnato per il tuo successo, inizierai a sapere se un determinato passo sarà giusto per te.

Infine goditi il viaggio perché la legge dell’attrazione se messa in moto non potrà che regalarti un processo incredibilmente soddisfacente e divertente. Permetti a te stesso di immergerti completamente nelle tue aspirazioni, ambizioni e sogni.

 

Se vuoi saperne di più continua a seguire gli altri articoli che ho scritto sul sito!

 

Pitchare davanti a Bob Dorf 🎤

de bernardinis imprenditore digitale startup

Dal 20 al 22 settembre si è tenuto Heroes, meet in Maratea, il più grande festival sull’innovazione Digitale Euro-Mediterraneo. Durante il giorno di chiusura abbiamo avuto l’onore di presentare Ernesto.it al pubblico aprendo il discorso a Bob Dorf, una leggenda vivente per noi e per molti altri startuppers. Bob Dorf è infatti uno dei più grandi teorici mondiali del fenomeno delle startup. È inoltre autore dei più grandi Best seller su startup ed è stato uno dei primi a coniare il termine “Startup” insieme al mentore e amico Steve Blank.

Chi è Bob Dorf

Nel marzo 2012, Bob ha pubblicato il The Startup Owner’s Manual: A Step–By–Step Guide to Building a Great Company, insieme a Steve Blank. Due anni di ricerca e sviluppo a tempo pieno hanno condotto alla creazione del suo opus magnum: 608 pagine, una guida minuziosamente dettagliata. Questo opera è attualmente la tabella di marcia più completa e rigorosa mai scritta, e guida i founder delle startup di tutto il mondo. Il manuale offre percorsi paralleli di Customer Development per le aziende attraverso canali Web e mobile, ma anche utilizzando i tradizionali prodotti fisici. Il tomo include anche tutorial approfonditi sul web marketing.

Bob viaggia per il mondo, aiutando le startup, gli incubatori, i governi e le aziende consolidate a imparare come implementare in modo efficace il processo di sviluppo del cliente attraverso conferenze, workshop e Boot Camp di avvio pratico intensivi di 8-10 settimane. La sua opera di insegnamento ha varie forme, inclusi discorsi, workshop e consulenze pratiche.

Insegna Customer Development e Business Modeling presso la Columbia Business School, dove detiene una cattedra. Ha condotto sessioni di formazione presso Tech de Monterrey, Messico, Skolkovo Business School a Mosca, e molte altre università in tutto il mondo. Ha affiancato anche dozzine di organizzazioni non profit, compreso il leggendario Acumen Fund, un fondo di venture capital sostenibile.

Riccardo de Bernardinis presenta Ernesto.it a Heroes Maratea

Video della presentazione di Ernesto a Heroes Maratea

Riccardo de Bernardinis commenta:

“È stata un’esperienza incredibile, che ha dato al Team la giusta carica per puntare sempre più in alto, continuando a fare ciò che amiamo fare ogni giorno della nostra vita: innovare.”

Riccardo de bernardinis website

Realizzarsi con un coach 🥇

Coach raggiungere obiettivi

Gli atleti che mirano alle medaglie d’oro sanno che non possono raggiungere i loro obiettivi da soli. Operare a un livello fisico superiore richiede l’aiuto di istruttori, familiari e coach. L’allenatore che assumi può incrementare o distruggere le tue possibilità di successo, quindi scegliere saggiamente il tuo mentore è di fondamentale importanza. Gli atleti si rivolgono ai coach per suggerimenti su come usare il proprio corpo e per esercitazioni che migliorano le prestazioni, puoi rivolgerti a un mentore se stai cercando di portare la tua vita al livello successivo. Ecco le cinque qualità di un buon allenatore che gli atleti olimpici cercano per aiutarli ad arrivare in cima alle classifiche, e che dovresti cercare anche tu.

1. ORIENTATO VERSO GLI OBIETTIVI

Una delle qualità di un grande coach è che sa che gli obiettivi a breve termine sono altrettanto importanti di quelli a lungo termine. Se sai quali sono i tuoi obiettivi a lungo termine, un allenatore può aiutarti a sviluppare una strategia che comprenda tutti i tuoi obiettivi per ottenere risultati duraturi. Ciò renderà il tuo obiettivo più raggiungibile e sentirai un senso di realizzazione spuntando piccole cose dalla tua to-do-list, mentre lavori per raggiungere il tuo obiettivo principale.

2. MOTIVAZIONE

Chi ti motiverà quando non riesci a farlo da solo? Gli atleti olimpici sanno meglio di chiunque altro che la via del successo non è sempre facile. Spesso, la scelta facile è rinunciare. Quando hai voglia di gettare la spugna, il tuo coach è lì per infonderti fiducia e riportarti in carreggiata. Un bravo allenatore ti spinge oltre la tua zona di comfort, dove avviene la vera crescita. Ti dicono quello che gli altri non ti diranno. Indicano i tuoi punti di forza e ti ricordano il tuo obiettivo finale, spingendoti a perseverare attraverso gli ostacoli più difficili anche quando pensi che sia impossibile.

3. ONESTÀ

Se vuoi veramente raggiungere il successo, hai bisogno di un coach che non ti faccia sembrare le cose migliori di quello che sono. Il fatto di vedere le cose per come stanno realmente è spesso la cosa che porta al maggior cambiamento in positivo. Un allenatore che sarà sempre onesto con te è fondamentale per migliorare e fissare obiettivi realistici.

4. COMUNICAZIONE CON IL COACH

Un allenatore non può svolgere correttamente il suo lavoro se voi due non siete in grado di comunicare. Avere un coach che fa domande, dà feedback e controlla i tuoi progressi è fondamentale per il tuo successo. Allo stesso modo, devi sentirti abbastanza a tuo agio per esprimere le tue preoccupazioni e porre domande sulla tua formazione. Una comunicazione efficace garantisce che l’approccio che il tuo coach porta con sé sia unico per i tuoi punti di forza e di debolezza, il che consente un miglioramento maggiore.

5. PREPARAZIONE

Se non riesci a prepararti, sei pronto a fallire. Una delle qualità più importanti di un bravo coach è che si assicurerà che tu sia adeguatamente preparato per raggiungere i tuoi obiettivi. Ciò significa praticare le piccole cose di cui hai bisogno per avere successo giorno dopo giorno. Prende in considerazione i tuoi obiettivi e implementa un piano personalizzato per te e per i risultati che desideri ottenere, al fine di guidarti verso il successo.

contatti riccardo de bernardinis

Di che cosa hai paura?😱

paura

COME IL TUO CERVELLO CREA LA PAURA – E COME SUPERARLA

Cosa ci fa paura? Serpenti, oscurità, rifiuto, amore, ragni, ignoto, parlare in pubblico, volare, tempeste, fallimenti – sebbene le ragioni siano varie, siamo tutti programmati per provare spavento. Ma è veramente così?

Che dire delle persone che non sembrano avere mai paura? O di quella piccola percentuale di popolazione che letteralmente non può provarla? Perché ci sono bambini completamente senza paura di rischiare e altri che sembrano spaventati da qualunque cosa?

Lo scopo della paura è di tenerci lontani dal dolore, ma cosa succede se ci impedisce di ottenere ciò che vogliamo realmente?

LA BIOLOGIA DELLA PAURA

Per prima cosa, alcuni fatti: non esiste un singolo interruttore della paura per gli umani; rispondere alle minacce coinvolge più aree del cervello. Non sappiamo al 100% come, ma gli scienziati hanno scoperto quanto l’amigdala, tramite branchi di neuroni a forma di mandorla sepolti nel profondo del cervello appena sopra il tronco cerebrale, sia centrale rispetto al processo.

“Quando percepisci qualcosa di potenzialmente pericoloso, l’amigdala invia segnali eccitatori ad altre parti del cervello, dicendo qualcosa del tipo: ‘Ciao a tutti, prestate attenzione!'”, dice Bambi DeLaRosa, ricercatrice sull’elaborazione delle minacce. Le aree del cervello associate al linguaggio e alla memoria diventano attive anche in situazioni di terrore. Se l’amigdala suona l’allarme, le altre aree aiutano a valutare il livello di minaccia e il modo in cui rispondi.

Ma le persone con la rarissima malattia di Urbach-Wiethe hanno depositi di calcio nel cervello, rendendo impossibile per loro elaborare la paura. Gli studi hanno trovato la loro amigdala completamente calcificata, quindi non presentano segni di paura come palmi delle mani sudati o un cuore che batte all’impazzata. I ricercatori hanno identificato solo 400 persone nel mondo con questa malattia.

contatti riccardo de bernardinis

Ciò che colpisce particolarmente della malattia di Urbach-Wiethe è che la paura è stata a lungo fondamentale per la sopravvivenza umana, quindi vivere senza può essere piuttosto pericoloso. Studiare soggetti con questa condizione ci ha anche fornito informazioni su come affrontiamo le emozioni e le pulsioni. Dal momento che le persone possono sopravvivere senza paura, forse non è così necessaria come abbiamo supposto. Altri percorsi, come la logica, possono portarci ai comportamenti corretti che ci aiutano a sopravvivere.

Quindi cosa scatena la paura? Una possibilità è semplicemente non capire come funziona qualcosa. Ma non possiamo fermare la fifa solo attraverso la conoscenza dell’evento in questione. Uno studio del 2009 ha confrontato la reazione umana al sudore assunto dalle persone  terrorizzate e sl sudore derivante dall’esercizio fisico regolare. Sentendo solo l’odore del sudore dello spavento, i centri della paura del cervello si sono scatenati. Altri animali condividono anche reazioni di terrore tramite feromoni di allarme, ma questo studio è il primo a mostrare una reazione simile negli umani.

Questi risultati suggeriscono che il solo essere vicino a persone spaventate, può terrorizzarti. E mentre questo potrebbe non essere un grosso problema quando si visita una casa infestata o si guarda un film dell’orrore, può invece avere un enorme impatto sulla vita quotidiana. Le nostre reazioni alla paura degli altri potrebbero essere parte di ciò che trattiene in particolare gli adulti dal prendere rischi o provare cose nuove, che si tratti di paracadutismo o di candidatura per un nuovo lavoro.

PAURE CULTURALI E VITA MODERNA

Anche gli studi psicologici sostengono l’idea che la paura collettiva abbia un impatto culturale più ampio. Negli anni ’70 Roger Hart studiava nei bambini in una piccola città del Vermont per vedere cosa facevano quando non erano sotto la diretta supervisione di un adulto, imparando a conoscere i loro luoghi segreti per giocare e i luoghi preferiti in cui vagavano.

Ha ripetuto lo studio nel 2004 e ha trovato una serie di norme completamente diversa. I genitori dei bambini, alcuni dei quali erano soggetti nella ricerca degli anni ’70, sono molto più preoccupati di quanto succede minuto per minuto delle vite dei loro figli. Il gioco senza sorveglianza è quasi sconosciuto e i bambini restano molto più vicini a casa. Eppure i tassi di criminalità sono esattamente gli stessi di 40 anni fa. “C’è una paura” tra i genitori, Hart ha detto all’Atlantico “Un’esagerazione dei pericoli, una perdita di fiducia che non è del tutto chiaramente spiegabile”.

Ma se sei circondato da persone che non sono terrorizzate dall’idea di lasciar vagare i loro figli, è probabile che non lo sarai neanche tu. C’è potere in chi ci circonda e la nostra cultura cambia le regole nel corso degli anni.

Questo è solo un esempio di come la paura spesso derivi dalle storie che ci raccontiamo. Spesso i genitori proiettano le proprie paure sui bambini o li inducono a ripetere i propri schemi guidati dalla paura. Altre storie che ci raccontiamo possono portarci a temere qualunque cosa, dal rifiuto al successo. Che cosa possiamo fare allora per evitare che il terrore possa bloccare noi o i nostri figli?

MODI PER SFRUTTARE LA PAURA

Devi usare la fifa, altrimenti lei userà te. Ricorda, il coraggio non è essere senza paura; è averne e fare qualcosa comunque. Le tecniche per sfruttare il terrore includono capire cosa ti dice la paura della tua situazione attuale e cosa può insegnarti.

Il modo in cui le persone gestiscono terrore è spingere se stessi ad affrontare gli estremi, che si tratti di scalare montagne o di camminare sui carboni ardenti. Invece di far vincere la paura, le persone la sfruttano e scoprono che possono ottenere tutto ciò che vogliono. Devi prepararti mentalmente per l’esperienza, “altrimenti ti arrendi alla paura e questo conquisterà altre parti della tua vita.”

Non importa la tua età, non supererai mai la fifa che ti blocca allontanandoti da essa. Prendi coraggio e concentrati su ciò che la paura porterà sulla tua strada e sarai davvero inarrestabile.

 contatti riccardo de bernardinis

Migliorare la vita con meno spese⭐️

vita migliore

ECCO COSA SUCCEDE QUANDO ALLINEI I TUOI ACQUISTI CON I VALORI CARDINE DELLA TUA VITA

Viviamo in una cultura di desideri e bisogni. Siamo stati condizionati fin dalla tenera età a dare un valore enorme agli oggetti materiali: la macchina di lusso, la grande casa, i vestiti firmati. Sono gli obiettivi che molti di noi cercano costantemente di raggiungere nell’arco della propria vita. E, spesso ci convinciamo che una volta ottenute queste cose, saremo felici.

SODDISFAZIONE A BREVE TERMINE

Ma pensa all’ultimo acquisto che hai fatto che ti ha emozionato. Quanto durò quell’eccitazione? Un giorno, una settimana, un mese? Le probabilità sono che il tuo zelo svanisca abbastanza velocemente sono molte. Perché il piacere che riceviamo dalla maggior parte dei nostri acquisti è solo temporaneo. E quando va via, alla fine viene sostituito con un nuovo bisogno, che avvia nuovamente il ciclo.

Questa è la ragione per cui senti le persone dire “Come mai ho tutto ciò che ho sempre voluto e sono infelice?” Tutto si riduce a un fatto molto semplice: ottenere quello che vuoi può darti piacere, ma non può farti felice.

Questo non significa che non dovresti spendere i tuoi soldi. Vivere una vita di privazioni o diventare avari con le tue finanze non è la risposta. Ma dovresti essere cosciente e attento a dove destini i tuoi soldi.

COSTRUZIONI

Ogni Euro che spendi può essere visto in due modi. Puoi vederlo come una piccola parte del tuo reddito che stai spendendo oggi. Oppure, puoi vederlo come un piccolo passo verso la costruzione di qualcosa di grande per il domani. Perché un solo Euro al giorno risparmiato, in soli 32 anni crescerà fino a 1.000.000€ con un rendimento medio del 20%!

LE PICCOLE COSE SI SOMMANO

Considera come spendi i tuoi soldi su base giornaliera. Fai una tappa di routine al bar sotto casa? Quante volte vai a pranzo fuori? Hai l’abitudine di fare l’happy hour?

Che valore hanno questi schemi di spesa nella tua vita? Non particolarmente alto probabilmente. Ma tranciando le spese costose e non fondamentali, scoprirai di essere in grado di produrre un significativo miglioramento nella tua salute finanziaria. E il valore derivante da un futuro più sicuro può essere sostanzialmente più gratificante.

contatti riccardo de bernardinis

OGGETTI COSTOSI

Ora considera i tipi di acquisti che fai su oggetti di lusso. Quanto spesso acquisti online? Stai sempre cercando l’ultima tecnologia? E per quanto riguarda l’importo che spendi per i vestiti?

Per realizzare questi tipi di tagli, è indispensabile essere consapevoli del motivo per cui si sta effettuando un determinato acquisto. Capire da dove vengono i tuoi bisogni e i tuoi desideri ti consentirà di esercitare un maggiore controllo sulle tue emozioni e alla fine ti aiuterà a prendere decisioni più consapevoli su dove spendere i tuoi soldi.

DOV’È IL VALORE?

Quando prendiamo questo tipo di decisioni inconsciamente, finiamo a vivere la vita come la maggioranza delle persone, che cercano di trovare soddisfazione in tutti i posti sbagliati trascurando ciò che conta davvero: le tue relazioni, la tua salute, la tua mente e il tuo spirito. Per non parlare, spesso finiamo stressati finanziariamente, versando continuamente denaro in oggetti che non aggiungono alcun valore reale alle nostre vite.

Prima di effettuare un acquisto, è importante farsi un esame di coscienza per capire che cosa ne deriverebbe – un senso di gioia, libertà, sicurezza o amore – o per valutare se hai semplicemente sviluppato un’abitudine di spesa frivola che deve essere ridimensionata.

MISURARE LA VERA RICCHEZZA

Ognuno di noi trova un percorso che crediamo porterà alla felicità, alla realizzazione o a dare un senso a tutto. E ci sono innumerevoli sentieri che puoi percorrere. Ma la vera ricchezza non può essere misurata da quanti soldi hai o dal numero di cose che possiedi, proviene dalla creazione di una straordinaria qualità della vita. E solo tu puoi determinare quanto e quale tipo di valore un acquisto aggiungerà alla tua vita.

Quindi inizia a essere intelligente su come stai spendendo i tuoi soldi. Riallinea le tue abitudini con l’obiettivo di creare valore reale nella tua vita. Potresti essere sorpreso da ciò che succede.

contatti riccardo de bernardinis

Wantrapreneur?! 😏

wantrapreneur successo

Hai un’idea brillante che tu sei convinto essere vincente. Allora fondi una Srl, ordini biglietti da visita di alto livello, fai progettare il sito perfetto. Scrivi persino un piano aziendale di 50 pagine. Ma passano mesi e mesi, e tu non hai ancora fatto quel primo euro. Suona familiare? È la storia di migliaia di aspiranti imprenditori, che non hanno mai veramente messo in pratica le loro idee e, a loro volta, non sono mai andati oltre il punto di partenza. In realtà, l’unica cosa che hanno raggiunto è il titolo: “wantrapreneur”.

CHE COSA È UN WANTRAPRENEUR?

Semplice e chiaro: un wantrapreneur è chiunque spende il proprio tempo e denaro in tutto il resto, tranne che nella creazione di un vero business. Si concentrano sui fattori esterni – i biglietti da visita, il logo, il sito web – che possono essere componenti necessari del business in futuro, ma nessuno di questi produrrà la prima vendita.

I veri imprenditori, invece, si preoccupano di una cosa: costruire un prodotto o un servizio che le persone vogliono.

Ciò non significa che non costruiranno il sito web né si preoccuperanno del marketing; semplicemente non sono focalizzati su questo. Si preoccupano di affrontare i punti deboli, fornendo una proposta di valore per il cliente e creando un modello replicabile, redditizio e sostenibile.

contatti riccardo de bernardinis

I WANTRAPRENEURS NON SI BUTTANO

È un errore comune tra gli aspiranti imprenditori che pensare semplicemente a un’idea significa che stanno facendo qualcosa di costruttivo al riguardo. Ma stilare mentalmente una lista di cose da fare non ti avvicina al tuo obiettivo. La stessa cosa vale per leggere libri, imparare il gergo e dire a tutti i tuoi amici e alle loro madri del tuo “business”.

Gli imprenditori fanno del progresso una priorità. Si sforzano di fare un passo in avanti – non importa quanto piccolo passo – ogni singolo giorno. Perché sanno che se non agiscono ora sulle loro idee, alla fine qualcuno lo farà. Anche se il loro sito web, prototipo o prodotto non è ancora completo, sanno che devono fare un atto di fede. Perché nessuna idea è unica fino a quando non viene eseguita.

I WANTRAPRENEURS VIVONO DI PAURA

Steve Jobs, Walt Disney, Oprah, Tim Ferriss. Se guardi la maggior parte delle persone di successo nel mondo, hanno fallito ad un certo punto. E lo farai anche tu se farai crescere un’azienda: il fallimento è solo una parte inevitabile della curva di apprendimento. La variabile è, come reagirai al fallimento?

Gli wantrapreneur e gli imprenditori rispondono al rischio in modi completamente diversi. Gli wantrapreneur permettono alla loro paura di influenzare le loro azioni e il loro comportamento e, nella maggior parte dei casi, non prenderanno provvedimenti per realizzare la loro visione e creare ciò che avevano in mente. Trovano continuamente delle scuse – niente fondi, niente risorse, troppo difficile sfondare – perché se non ci provano, non falliranno.

Gli imprenditori possono temere il fallimento, ma hanno più paura di come sarebbe la vita se non ci provassero.

Il pensiero di non dare tutto ciò che hanno per portare a compimento la loro idea sarebbe il fallimento finale, e questo li spinge all’azione, non importa quale.

I WANTRAPRENEURS NON SONO PIENI DI RISORSE

Gli aspiranti imprenditori non intraprenderanno azioni concrete finché non saranno perfettamente pronti. Che si tratti del capitale di cui pensano di aver bisogno per far decollare il business, trovare il tempismo perfetto o condurre una valutazione più accurata del mercato – vogliono controllare tutte le variabili prima di agire. E alla fine, quando il cambiamento arriva, si preoccupano troppo dei dettagli e non sono in grado di adattarsi al quadro generale.

I veri imprenditori non attendono il finanziamento o risorse aggiuntive per iniziare. Loro faranno partire la loro azienda, trovando i modi per ottenere i fondi di cui hanno bisogno. Sono frammentari, facendo emergere la loro ingenuità interiore per trovare una soluzione creativa a qualunque ostacolo venga loro. Per un vero imprenditore, non esiste un vicolo cieco; ci sono solo nuove opportunità di crescita.

contatti riccardo de bernardinis

I WANTRAPRENEURS NON PERSEVERANO

Steve Jobs una volta ha detto: “Sono convinto che circa la metà di ciò che separa gli imprenditori di successo da quelli che falliscono è pura perseveranza”.

Costruire un business non è per i deboli. Ci sono ampi momenti di dubbio e caos, successi minimi duramente conquistati, innumerevoli lezioni apprese nel modo più duro, schiaccianti quantità di pressione e stress, e periodi prolungati di lotte e instabilità finanziaria.

Gli wantrapreneur semplicemente non hanno quello che serve per superare la tempesta di una startup. E alla fine, si fermano. Ma la ragione non è quella che si potrebbe pensare, perché ha molto meno a che fare con abilità o acume e molto più a che fare con la loro mancanza di fame, unità e dedizione.

Gli imprenditori, d’altra parte, sono guidati dalla loro passione per il loro business e sono chiari sul perché creare questo business è un “must” per loro. La loro attività è un’estensione di chi sono come persone – è l’incapsulamento delle loro convinzioni e valori. Questo dà loro il succo emotivo per farli andare avanti quando si presentano le sfide. E poiché hanno un “perché” abbastanza grande, troveranno il modo per far accadere qualsiasi cosa.

I WANTRAPRENEURS POSSONO DIVENTARE IMPRENDITORI

Se qualcuno dei precedenti capitoli ti sembra familiare, non perdere la speranza. Questo articolo non ha lo scopo di farti sentire peggio per il tuo approccio sbagliato per gli affari, è pensato per svegliarti in modo da poter iniziare a fare qualche vera azione.

Chiediti: sei pronto a rendere il fare progressi parte della tua quotidianità?

Il pensiero di non metterti mai alla prova è più spaventoso della possibilità di fallire? Il tuo “perché” è abbastanza forte da darti la fame, la guida e la dedizione necessarie per superare le sfide?

Quindi prendi la decisione di smettere di concentrarti sulle minuzie e di iniziare a costruire la tua attività. Impegnati su ciò che conta. Dedicati a superare le sfide. E trova il modo in cui puoi imparare dai tuoi fallimenti. L’imprenditorialità non è per i deboli. E non è per quelli con una “buona idea”. È per quelli che non hanno altra scelta che costruire i loro affari, a causa della loro passione, della loro spinta, e della loro convinzione che una vita senza provare è una vita non vissuta.

contatti riccardo de bernardinis

Ottieni ciò che vuoi ⭐️

raggiungere obiettivi trucchi

Il vero potere viene dal lavorare con altre persone. Durante il precorso verso i tuoi obiettivi, ci saranno momenti in cui avrai bisogno dell’aiuto di altre persone. Indipendentemente dal tuo lavoro e dai tuoi obiettivi, troverai questi cinque passaggi incredibilmente efficaci per ottenere ciò di cui hai bisogno aggiungendo valore alla tua vita.

PASSO 1: CHIEDI IN MODO SPECIFICO ED ESPONI I TUOI OBIETTIVI.

Devi descrivere esattamente quello che vuoi, sia a te stesso che a qualcun altro. Quanto alto? Quanto lontano? Pensaci. Se la tua azienda avesse bisogno di un prestito, come lo otterresti? Definisci precisamente ciò di cui hai bisogno, perché ne hai bisogno e quando ne hai bisogno. Devi anche essere in grado di mostrare al creditore quello che produci con esso. Lo stesso vale per qualsiasi altra cosa tu stia chiedendo, a chiunque.

PASSAGGIO 2: CHIEDI A QUALCUNO CHE PUÒ AIUTARTI.

Non è abbastanza chiedere in modo specifico. Devi chiedere a qualcuno con le giuste risorse. Qualunque cosa tu voglia – una relazione migliore, un lavoro migliore, più tempo con la tua famiglia – è qualcosa che qualcuno già possiede. Il trucco è trovare queste persone e chiedere loro aiuto. Questo non significa che tu ti stia affidando a loro per fare il lavoro al posto tuo, ma ottenendo un’altra prospettiva ed esaminando il successo di qualcun altro, potresti riuscire anche tu.

contatti riccardo de bernardinis

PASSAGGIO 3: CREA VALORE PER LA PERSONA CHE ALLA QUALE STAI CHIEDENDO.

È impensabile chiedere e aspettarsi solo quello che si vuole. Scopri come puoi aiutarlo per primo – il valore creato non deve necessariamente essere tangibile. Ad esempio, se chiedessi a Bill Gates $ 10.000, probabilmente non andresti lontano. Ma se gli mostrassi come potresti usare quei $ 10.000 per far avanzare le cause sostenute dalla Bill & Melinda Gates Foundation, vedrebbe più valore nella tua richiesta.

PASSO 4: CHIEDI CON CONVINZIONE E MOSTRATI SICURO DI TE STESSO.

Il modo più sicuro per fallire è quello di trasmettere insicurezza. Se non sei convinto di ciò che stai chiedendo, come può esserlo qualcun altro? Esprimi la tua convinzione nelle tue parole e nei tuoi gesti. Dimostrate di essere sicuri di ciò che desiderate e vi avvicinerete molto di più a scoprire come ottenere quello che volete.

 

PASSO 5: CHIEDI FINO A QUANDO OTTIENI QUELLO CHE VUOI.

Ciò non significa chiedere alla stessa persona esattamente nello stesso modo ripetutamente. Avere la flessibilità di cambiare e adattare le tue tattiche fino a raggiungere ciò che desideri. Se studi la vita di persone di successo, scoprirai che continuavano a chiedere, a cercare e a cambiare, anche quando si trovavano di fronte a un fallimento, perché sapevano che prima o poi avrebbero trovato qualcuno in grado di soddisfare i loro bisogni. Raramente hanno accettato un “no” come risposta, e nemmeno tu dovresti.

Pensa a tutte le sfide irrisolte della tua vita. Se applicassi questi cinque passaggi, potresti ottenere un nuovo risultato? Inizia oggi stesso il Passo 1 decidendo esattamente di cosa hai bisogno per vincere questa sfida e ti troverai molto più vicino ai tuoi obiettivi.

 contatti riccardo de bernardinis