Articoli

ERNESTO A MOSCA 🏆

evento startup

Emozioni uniche nell’essere stati selezionati per presentare Ernesto alla settima edizione dello Startup Village 2019, che è l’evento più importante della Russia su Digital e innovazione che si svolge ogni anno a Mosca nel Centro di innovazione di Skolkovo (Silicon Valley Russa).

Il 29 e 30 Maggio 2019 abbiamo presentato Ernesto a Skolkovo, la Silicon Valley Russa situata nei pressi di Mosca durante Startup Village 2019.

Startup Village è infatti il più importante evento su Innovazione e Digital di tutta la Russia e dei paesi limitrofi, l’evento ha riunito circa 20.000 partecipanti provenienti da 80 paesi.

Ernesto grazie a questa iniziativa ha potuto incontrare imprenditori di successo, investitori, grandi società tecnologiche e rappresentanti dell’amministrazione comunale per discutere di tendenze tecnologiche e idee. Questo evento globale riunisce ogni anno migliaia di partecipanti provenienti da tutto il mondo. Startup Village ha un’atmosfera eccezionalmente inclusiva e stimolante: nessuna divisione in ospiti e ospiti VIP, nessuna sessione chiusa, nessuna area riservata, nessun codice di abbigliamento.

Perché partecipare all’evento Startup Village 2019?

È l’appuntamento più importante nel mondo dell’innovazione, in due giorni si sono riunite nel verde del parco di Skolkovo le principali startup provenienti da tutto il mondo.

La Russia è oggi uno dei mercati europei maggiormente in sviluppo per le aziende innovative. Questo grazie a politiche centrali che stanno promuovendo l’innovazione e la nascita di nuove aziende pronte a raccogliere le sfide della rivoluzione 4.0.
ICE-Agenzia ha offerto ad Ernesto e ad altre startup e PMI innovative italiane la possibilità di vivere l’atmosfera festosa dello Startup Village, in modo da cogliere le opportunità che il mercato russo è sempre pronto ad offrire al Made in Italy: per questo è stato allestito uno Spazio Italia in grado di contenere fino a 40 espositori.

 

Ernesto a Mosca: Start up Village 2019

Ci sono state oltre 150 sessioni interattive e master class per lo sviluppo di nuovi mercati. Inoltre, si è parlato anche di trasformazione di modelli di business e l’integrazione di tecnologie innovative nel mondo degli affari.

È stato possibile, per Ernesto e gli altri partecipanti al Startup Village, pianificare in anticipo i propri incontri con gli esperti. A tal fine, gli organizzatori hanno progettato un servizio speciale, SUV Matchmaking.

Le migliori startup sono state selezionate in due categorie, Early Stage Projects e Companies. Il primo è per gli imprenditori tecnologici emergenti. Saranno in concorrenza in quattro aree: IT, Biomed, efficienza energetica e risparmio energetico e tecnologia industriale. Il vincitore riceverà 27.737 euro per sviluppare il loro progetto.

Il concorso di società è per gli operatori del mercato con esperienza. La giuria nominerà i progetti più promettenti in 19 settori, tra cui la tecnologia digitale nel mondo degli affari, della produzione, della finanza e dei media, dell’assistenza sanitaria digitale e dei trasporti efficienti dal punto di vista energetico. Il premio principale è di 69.324 euro.

Iniziare un business 🚀🏆

avviare un'impresa

Non ci sono limiti su chi può avviare un’ impresa. Non hai necessariamente bisogno di un diploma universitario, un mucchio di soldi in banca o anche esperienza di business per avviare qualcosa che potrebbe diventare il tuo prossimo grande successo. Tuttavia, è necessario un piano forte e una grande motivazione.

Dai un’occhiata a questa guida passo passo per trasformare la tua grande idea in un’impresa di successo.

1. Valuta te stesso

Iniziamo con la domanda più basilare: perché vuoi avviare un’impresa? Utilizza questa domanda per guidare il tipo di attività. Le due motivazione possono essere: avere soldi extra e avere più libertà. Allora è ora di lasciare il tuo lavoro 9-to-5 e iniziare qualcosa di nuovo.

Una volta che hai il motivo, inizia a farti ancora più domande per aiutarti a capire il tipo di attività che dovresti iniziare e se hai quello che serve.

  • Quali competenze hai?
  • Dove si trova la tua passione?
  • Dov’è la tua area di competenza?
  • Quanto puoi permetterti di spendere, sapendo che la maggior parte delle aziende fallisce?
  • Di quanto capitale hai bisogno?
  • Che tipo di stile di vita vuoi vivere?
  • Sei pronto a diventare un imprenditore ?

Sii brutalmente onesto con le tue risposte. Ciò creerà una base per tutto ciò che fai andare avanti, quindi è meglio conoscere la verità ora che dopo.

2. Pensa a un’idea di business.

Hai già un’idea di business killer ? Se è così, congratulazioni! È possibile passare alla sezione successiva. In caso contrario, ci sono un sacco di modi per iniziare il brainstorming per una buona idea.
Ecco alcuni suggerimenti:

  • Chiediti che cosa ci sarà in futuro. Quale tecnologia o progresso arriverà presto, e come cambierà il panorama del business come lo conosciamo? Puoi anticipare la curva?
  • Correggere qualcosa che ti infastidisce. La gente preferirebbe avere meno di una cosa cattiva che più di una buona cosa. Se la tua azienda può risolvere un problema per i tuoi clienti, ti ringrazieranno per questo.
  • Applica le tue abilità a un campo completamente nuovo. Molte aziende e imprese fanno le cose in un modo solo perché è sempre stato così. In questi casi, una nuova serie di occhi da una nuova prospettiva può fare la differenza.
  • Usa l’approccio migliore, più economico, più veloce. Hai un’idea imprenditoriale che non è completamente nuova? Se è così, pensa alle offerte attuali e concentrati su come puoi creare qualcosa di meglio, più economico o più veloce.

Inoltre, esci e incontra persone e fai domande, cerca consigli da altri imprenditori, cerca idee online o usa qualunque metodo abbia più senso per te.

idee per un'impresa di successo

3. Fai ricerche di mercato

Qualcun altro sta già facendo ciò che vuoi iniziare a fare? Se no, c’è una buona ragione per questo?

Inizia la ricerca dei tuoi potenziali rivali o partner all’interno del mercato. Raggiungi gli obiettivi che è necessario completare con la ricerca e i metodi che è possibile utilizzare per fare proprio questo. Ad esempio, puoi condurre interviste telefoniche o faccia a faccia. Puoi anche offrire sondaggi o questionari che fanno domande come “Quali fattori consideri al momento dell’acquisto di questo prodotto o servizio?” E “Quali aree consiglieresti di migliorare?”

Altrettanto importante, sapere tre degli errori più comuni che le persone fanno quando iniziano le loro ricerche di mercato, che sono:

  1. Usano solo la ricerca secondaria.
  2. Utilizzano solo risorse online.
  3. Esaminano solo le persone che conoscono

4. Ottieni feedback

Consenti alle persone di interagire con il tuo prodotto o servizio e vedi quale è la loro opinione su di esso. Un nuovo paio di occhi può aiutare a sottolineare un problema che potresti aver perso. Inoltre, queste persone diventeranno i tuoi sostenitori del primo brand, soprattutto se ascolterai i loro input e cosa pesano della tua impresa.

Uno dei modi più semplici per utilizzare il feedback è concentrarsi sull’approccio “Lean Startup”, ma coinvolge tre pilastri fondamentali: la prototipizzazione, la sperimentazione e la rotazione. Spingendo un prodotto, ricevendo feedback e quindi adattandoti prima di spingere il prossimo prodotto, puoi costantemente migliorare e assicurarti di rimanere pertinente.

Basta rendersi conto che alcuni di questi consigli, sollecitati o no, saranno buoni. Alcuni non lo saranno. Ecco perché dovresti avere un piano su come ricevere feedback.

Inoltre, un modo per aiutarti a superare il feedback negativo è creare un “muro d’amore”, dove puoi postare tutti i messaggi positivi che hai ricevuto. Recensioni positive online e testimonianze di passaparola possono aiutare a fare una grande differenza.

5. Rendilo ufficiale.

Prendi in considerazione tutti gli aspetti legali fuori in anticipo. In questo modo, non ti devi preoccupare di qualcuno che ti prende la tua grande idea, ti ingaggia in una partnership o ti cita in giudizio per qualcosa che non hai mai visto arrivare.

Mentre alcune cose si possono fare da soli, è meglio consultare un avvocato quando si parte, quindi è possibile assicurarsi di aver coperto tutto ciò di cui si ha bisogno.

6. Scrivi il tuo piano aziendale.

Un  business plan è una descrizione scritta di come si evolverà la tua attività da quando inizierà il prodotto finito.

Ecco cosa dovrebbe esserci nel piano aziendale:

  1. Frontespizio Inizia con il nome del tuo business, che è più difficile di quanto possa sembrare.
  2. Sintesi. Questo è un riassunto di alto livello di ciò che include il piano, spesso toccando la descrizione della impresa, il problema che l’azienda sta risolvendo, la soluzione e perché ora.
  3. Descrizione dell’attività. Che tipo di attività vuoi iniziare? Che aspetto ha il tuo settore? Che aspetto avrà in futuro?
  4. Strategie di mercato. Qual è il tuo mercato di riferimento e come puoi vendere al meglio in quel mercato?
  5. Analisi competitiva. Quali sono i punti di forza e di debolezza dei tuoi concorrenti? Come li batterai?
  6. Progettazione e piano di sviluppo. Qual è il tuo prodotto o servizio e come si svilupperà? Quindi, crea un budget per quel prodotto o servizio.
  7. Operazioni e piano di gestione. Come funziona il business su base giornaliera?
  8. Fattori finanziari. Da dove vengono i soldi? Quando? Come? Che tipo di proiezioni dovresti creare e che cosa dovresti prendere in considerazione?

Per ogni domanda, puoi passare da una a tre pagine. Tieni presente che il piano aziendale è un documento vivente e in grado di respirare e con il passare del tempo e la tua attività matureranno, lo aggiornerai.

7. Finanzia il tuo business.

Esistono molti modi per ottenere le risorse necessarie per avviare la tua impresa.
Date un’occhiata a questa lista di 8 elementi e considerate le vostre risorse, le circostanze e lo stato di vita per capire quale funziona meglio per voi.

  1. Finanzia autonomamente la tua startup. Il bootstrap della tua azienda potrebbe richiedere più tempo, ma la parte buona è che controlli il tuo destino.
  2. Poni i tuoi bisogni ad amici e familiari. Può essere difficile separare il business dai rapporti personali, ma se stai pensando di chiedere un prestito, ecco una risorsa che puoi usare per renderlo il più semplice possibile.
  3. Richiedi una sovvenzione per piccole imprese.  Potrebbe essere un processo lungo, ma non ti costa alcun soldo.
  4. Avvia una campagna di crowdfunding online. A volte il potere è in numeri, e una manciata di piccoli investimenti può aggiungere qualcosa di importante.
  5. Applica ai gruppi di investitori angelici locali. Piattaforme online e reti locali possono aiutarti a trovare potenziali investitori che si riferiscono al tuo settore e alla tua passione.
  6. Partecipa a un incubatore o acceleratore di avvio. Queste aziende sono progettate per aiutare le imprese nuove o in fase di avvio a raggiungere il livello successivo. La maggior parte fornisce risorse gratuite, tra cui servizi e consulenze per l’ufficio, oltre a opportunità di networking e eventi pitch. Alcuni, inoltre, forniscono anche finanziamenti di base.
  7. Negoziare un anticipo da un partner strategico o cliente. Se qualcuno vuole che il tuo prodotto o servizio sia abbastanza cattivo da pagarlo, c’è la possibilità che lo vogliano anche abbastanza per finanziarlo. Le variazioni su questo tema includono accordi di licenza anticipata.
  8. Cerca un prestito bancario o una linea di credito.

avviare impresa di successo

8. Sviluppa la tua impresa.

Dopo tutto il lavoro iniziale per avviare la tua impresa, sarà fantastico vedere la tua idea prendere vita. Ma tieni a mente, ci vuole una squadra per creare un prodotto. Se vuoi creare un’app e non sei un ingegnere, dovrai contattare una persona tecnica. O se hai bisogno di produrre in serie un oggetto, dovrai collaborare con un produttore.

Quando sei pronto per lo sviluppo del prodotto e l’esternalizzazione di alcune attività, assicurati di:

  1. Mantieni il controllo del tuo prodotto e impara costantemente. Se lasci lo sviluppo a qualcun altro o ad un’altra azienda senza supervisione, potresti non ottenere la cosa che hai immaginato.
  2. Implementare controlli e contrappesi per ridurre il rischio. Se assumi un solo ingegnere freelance, c’è la possibilità che nessuno possa controllare il proprio lavoro. Se segui la strada del freelance, usa più ingegneri in modo da non dover semplicemente prendere qualcuno in parola.
  3. Assumi specialisti, non generalisti. Ottieni persone che sono fantastiche esattamente come desideri, non come un tipo tuttofare.
  4. Non mettere tutte le uova in un cesto. Assicurati di non perdere tutti i tuoi progressi se un libero professionista se ne va o se un contratto cade.
  5. Gestire lo sviluppo del prodotto per risparmiare denaro. Le tariffe possono variare per gli ingegneri a seconda delle loro specialità, quindi assicurati di non pagare un ingegnere troppo qualificato quando potresti ottenere lo stesso risultato finale a un prezzo molto più basso.

Per aiutarti a stare tranquillo, inizia a imparare il più possibile sulla produzione, in modo da poter migliorare il processo e le tue decisioni di assunzione con il passare del tempo.

Inoltre, assicurati di avere i certificati necessari o i requisiti educativi, in modo che quando qualcuno ti chiede del tuo servizio, sei pronto per saltare a una buona opportunità.

9. Inizia a costruire la tua squadra.

Affinché la tua impresa sia di successo, dovrai trasferire responsabilità ad altre persone. Hai bisogno di una squadra.

Se hai bisogno di un partner, dipendente o libero professionista, questi tre suggerimenti possono aiutarti a trovare una buona forma:

  1. Indica chiaramente i tuoi obiettivi. Assicurati che tutti comprendano la visione e il loro ruolo all’interno di quella missione sin dall’inizio.
  2. Segui i protocolli di assunzione. Quando si avvia il processo di assunzione è necessario prendere in considerazione molte cose, dallo screening delle persone al porre le domande giuste e avere le forme appropriate. Ecco una guida più approfondita per aiutarti.
  3. Stabilire una forte cultura aziendale.  Cosa rende una grande cultura? Quali sono alcuni dei mattoni?
    Tieni presente che non è necessario disporre dello spazio pazzo di Google per instillare un’atmosfera positiva. Questo perché una grande cultura ha più a che fare con il rispetto e l’empowerment dei dipendenti attraverso molteplici canali, tra cui formazione e tutoraggio, piuttosto che sui tavoli da arredamento o da ping-pong. In effetti, i vantaggi degli uffici possono rivelarsi  più simili a trappole che benefici reali .

10. Trova una posizione.

Questo potrebbe significare un ufficio o un negozio. Le tue priorità saranno diverse a seconda della tua impresa, ma qui ci sono 8 cose di base da considerare :

  1. Stile di funzionamento. Assicurati che la tua posizione sia coerente con il tuo particolare stile e immagine.
  2. Demografia. Inizia considerando chi sono i tuoi clienti. Quanto è importante la loro vicinanza alla tua posizione? Se sei un negozio al dettaglio che fa affidamento sulla comunità locale, questo è di vitale importanza.
  3. Traffico pedonale. Se hai bisogno che le persone entrino nel tuo negozio, assicurati che il negozio sia facile da trovare. Ricorda: anche le migliori aree di vendita hanno punti morti.
  4. Accessibilità e parcheggio. Il tuo edificio è accessibile? Non dare ai clienti un motivo per andare da qualche altra parte perché non sanno dove parcheggiare.
  5. Concorrenza. A volte avere un’impresa concorrente nelle vicinanze è una buona cosa. Altre volte, non lo è. Hai svolto le ricerche di mercato, quindi sai qual è il migliore per il tuo business.
  6. Vicinanza ad altre aziende e servizi. Questo è qualcosa di più del semplice traffico pedonale. Guarda come le aziende vicine possono arricchire la qualità della tua attività anche come luogo di lavoro
  7. Ordinanze. A seconda della tua attività, queste potrebbero aiutarti o ostacolarti. Ad esempio, se stai iniziando un asilo nido, le ordinanze che stabiliscono che nessuno può costruire un negozio di liquori nelle vicinanze potrebbe aggiungere un livello di sicurezza per te.
  8. Affitto, utenze e altri costi. L’affitto è la spesa più grande per le strutture, ma controlla anche le utenze e se sono incluse nel contratto di locazione o meno. Non vuoi iniziare con un prezzo e scoprire che sarà più tardi.

11. Inizia a ricevere delle vendite.

Indipendentemente dal prodotto o dall’industria, il futuro della tua impresa dipenderà dalle entrate e dalle uscite.  Steve Jobs lo sapeva è per questo che, quando stava iniziando la Apple, passava giorno dopo giorno a chiamare gli investitori dal suo garage .

Ci sono un sacco di diverse strategie e tecniche di vendita che puoi utilizzare, ma qui ci sono quattro principi da vivere:

  1. Ascolta. Quando ascolti i tuoi clienti, scopri cosa vogliono, ciò di cui hanno bisogno e come poi riuscire a farlo accadere.
  2. Chiedi un impegno, ma non essere invadente. Non puoi essere troppo timido per chiedere un cambiamento o per chiudere una vendita, ma non puoi nemmeno far credere ai clienti che li stai costringendo.
  3. Non aver paura di sentire “no”. La maggior parte delle persone è troppo educata, ti lascia fare il passo anche se non ha interesse ad acquistare. E questo è un problema: Il tempo è la tua risorsa più importante.
  4. Rendilo una priorità. Realmente creare profitti e gestire un’attività redditizia è una buona strategia per le imprese.

Inizia identificando gli obiettivi che desiderano il tuo prodotto o servizio. Trova i primi utenti della tua attività, accresci la tua base di clienti o pubblichi annunci per trovare le persone che si adattano alla tua attività. Quindi, individua la giusta canalizzazione o strategia di vendita in grado di convertire questi lead in entrate.

12. Fai crescere la tua attività.

Ci sono un milione di modi diversi per crescere. Potresti acquisire un’altra attività, iniziare a prendere di mira un nuovo mercato, espandere le tue offerte e altro ancora. Ma nessun piano di crescita sarà importante se non si hanno i due attributi chiave che tutte le aziende in crescita hanno in comune.

In primo luogo, hanno un piano per commercializzarsi. Usano efficacemente i social media attraverso campagne organiche, influencer. Hanno una mailing list e sanno come usarla. Capiscono esattamente chi hanno bisogno di indirizzare – sia online che offline – con le loro campagne di marketing.

Quindi, una volta che hanno un nuovo cliente, capiscono come conservarlo. Probabilmente hai sentito molte persone affermare che il cliente più facile da vendere è quello che già hai. I tuoi clienti esistenti si sono già registrati per la tua lista di e-mail, hanno aggiunto i loro dati della carta di credito al tuo sito web e testato ciò che hai da offrire. In tal modo, iniziano una relazione con a tua impresa e il tuo marchio. Aiutali a sentirsi meglio riguardo a quel rapporto possibile.

Inizia utilizzando queste strategie, che includono l’investimento nel tuo servizio clienti e la personalizzazione, ma renditi conto che il tuo lavoro non sarà mai finito. Sarai costantemente in competizione per questi clienti sul mercato e non potrai mai riposare sugli allori. Continua a cercare sul mercato, assumendo brave persone e producendo un prodotto di qualità superiore e sarai sulla buona strada per costruire l’impresa che hai sempre sognato.

Vuoi sapere più sul come avviare un’impresa? Seguimi sul mio blog!

contatti riccardo de bernardinis mobile giovani