Qual è il tuo stile di lavoro?👨🏻‍💼

Stile di lavoro

STRATEGIA DI LAVORO INDIPENDENTE, COOPERATIVA O DI PROSSIMITÀ?

Ognuno ha il proprio stile o strategia di lavoro. Alcune persone non sono felici a meno che non siano indipendenti. Hanno grandi difficoltà a lavorare a stretto contatto con altre persone e non riescono a lavorare bene sotto una stretta supervisione. Devono fare a modo loro.

Altri funzionano meglio come parte di un gruppo. Chiamiamo il loro stile di lavoro come cooperativo. Vogliono condividere la responsabilità per qualsiasi attività che intraprendono.

Altri ancora hanno una strategia di prossimità, che è una via di mezzo. Preferiscono lavorare con altre persone mantenendo la responsabilità esclusiva di un compito. Sono in carica ma non da soli.

Se vuoi ottenere il massimo dai tuoi dipendenti, o dai tuoi figli, o da quelli che supervisioni, individua il loro stile di lavoro e i modi in cui riescono ad essere più efficaci. A volte troverai un impiegato brillante ma che è anche irritante. Deve sempre fare le cose a modo suo. Potrebbe non essere tagliato per essere un impiegato. Potrebbe essere il tipo di persona che deve gestire la sua attività e, prima o poi, probabilmente lo farà se non gli fornirai un modo per esprimersi.

Se hai un impiegato di valore come questo, dovresti cercare di trovare un modo per massimizzare i suoi talenti e dargli la massima autonomia possibile. Se lo rendi parte di una squadra, farà impazzire tutti. Ma se gli dai la massima indipendenza possibile, può dimostrarsi di valore inestimabile. Questo è ciò che indicano i nuovi concetti di imprenditorialità.

contatti riccardo de bernardinis

I datori di lavoro sono spesso insensibili agli stili di lavoro dei loro dipendenti. Ci sono persone che lavorano meglio in un ambiente cooperativo. Essi prosperano su una grande quantità di feedback e interazione umana. Gradiresti il ​​loro buon lavoro mettendoli a capo di qualche nuova impresa autonoma? Non se vuoi usare i loro migliori talenti. Ciò non significa che devi mantenere una persona allo stesso livello. Ma vuol dire che dovresti dare promozioni e nuove esperienze lavorative che consentano di sfruttare i talenti migliori della persona, non i suoi peggiori.

Allo stesso modo, molte persone con strategie di prossimità vogliono essere parte di una squadra ma devono fare il proprio lavoro da soli. In qualsiasi struttura, ci sono lavori che alimentano tutte e tre le strategie. La chiave è avere l’acutezza per sapere come le persone lavorano meglio e poi trovare un compito in cui si sentano valorizzati.

Ecco un esercizio da fare oggi. Dopo aver letto questo articolo, esercitati a suscitare i metaprogrammi delle persone. Chiedigli:

  • Cosa vuoi in una relazione (o casa, macchina o carriera)?
  • Come fai a sapere quando hai avuto successo in qualcosa?
  • Qual è la relazione tra ciò che stai facendo questo mese e ciò che hai fatto il mese scorso?
  • Quante volte qualcuno deve dimostrarti qualcosa prima di essere sicuro che sia vero?
  • Parlami di un’esperienza di lavoro preferita e perché è stata importante per te.

La persona ti presta attenzione mentre stai facendo queste domande? È interessato alla tua risposta o è occupato a pensare ad altro? Queste sono solo alcune delle domande che puoi chiedere per capire con successo i metaprogrammi dei tuoi impiegati. Se non si ottengono le informazioni necessarie, riformula la domanda finché non ci riesci.

contatti riccardo de bernardinis