Il potere della storia 📖

potere-della-storia

Quando pensi a una storia, cosa ti viene in mente? Forse una piacevole lettura estiva, o forse anche una favola o una fiaba. Ma una storia non deve essere limitata alla sola finzione. In effetti, raccontiamo storie ogni giorno. Come vediamo il passato, come immaginiamo il futuro – quelle sono storie. Come trasmettiamo un messaggio, come descriviamo un prodotto o servizio – anche quelli sono storie. Una presentazione, un appello: tutte le storie. In realtà, le storie sono una parte vitale di qualsiasi attività commerciale. E sono uno degli strumenti più potenti che puoi usare per coinvolgere il tuo pubblico.

Le storie vanno ben oltre la semplice trasmissione di fatti e dati. Le storie emozionano le informazioni. Danno colore e profondità a un materiale altrimenti insignificante e consentono alle persone di connettersi con il messaggio in un modo più profondo e più significativo. Questi potenziali clienti possono quindi connettersi al prodotto, al servizio e all’intera azienda in modo più approfondito.

Eppure non tutte le storie sono uguali. Il semplice racconto di una storia che può suscitare emozioni non ne garantisce l’efficacia.

contatti riccardo de bernardinis

Creare una storia

Quindi come crei una storia potente? In primo luogo, si tratta di trovare il nucleo emotivo del tuo messaggio. L’emozione combinata con l’informazione diventa memorabile e fruibile. Confuso su cosa significa? Pensaci. Dov’eri l’11 settembre? È probabile che tu possa ricordare esattamente dove eri quando hai saputo dei tragici eventi accaduti quel giorno. Ma se dovessi pensare a dove eri il giorno prima, quel ricordo è probabilmente più offuscato. Perché le informazioni collegate al dolore o al piacere creano una connessione emotiva che risuona dentro di te.

Quindi, devi essere autentico. Le persone hanno un radar sensibile quando si tratta di coloro che cercano di manipolare o sfruttare una situazione. In realtà, piuttosto che concentrarsi su ciò che si vuole far uscire raccontando la storia, è necessario spostare l’attenzione su come si andrà a servire il pubblico. È una pura intenzione, in cui sei veramente concentrato sul miglioramento o sul miglioramento delle loro vite.

Sii interessato, non interessante, altrimenti il ​​pubblico non lo catturerai mai. Tieni presente che una storia non è un monologo, ma un dialogo, ti aiuterà a dare individualità al tuo pubblico. Diventano proprietari emotivi della storia che stai raccontando. Poi diventano sostenitori – del tuo prodotto, del tuo servizio, della tua attività, del tuo marchio. Ma non puoi arrivare a questo punto a meno che tu non abbia un obiettivo generoso e ascolti attivamente.

Infine, devi sapere quando andare avanti. Non lanciare semplicemente le informazioni a un pubblico se l’ambiente non è giusto. Valuta la situazione. C’è un tempo giusto e uno sbagliato per ogni messaggio. E questo potrebbe significare che dovrai trovare un modo per cambiare l’umore del tuo pubblico. Perché se non è nelle giuste condizioni per ascoltare le tue storie risulteranno piatte e non riusciranno a risuonare dentro di loro. Il tempismo è la chiave.

Se fatta correttamente, una storia può avere un effetto enorme sul pubblico. Può ispirare e animare. Può spingerli ad agire. E può trasformarli in fan in delirio. Mai sottovalutare il potere della tua storia. E non sottovalutare mai l’intelligenza del tuo pubblico. Gioca in modo sincero ed emotivo, crea un dialogo e vedrai come il dono della storia potrebbe diventare lo strumento più potente nel tuo arsenale.

Se hai bisogno di un aiuto per capire meglio come creare e raccontare bene la tua storia, scrivimi oppure vieni a prenderti un caffe nella mia web agency di Roma e ne parliamo!
contatti riccardo de bernardinis