Comfort zone: combattila!⚡️🥇

superare i limiti e uscire dalla comfort zone

A tutti noi è capitato di leggere articoli sulla comfort zone e sul perché è così difficile uscire da questa routine confortevole e sicura. Con un po’ di comprensione e allenamento, tutti noi possiamo superare questo limite e fare qualcosa di meraviglioso.

Ma cos’è esattamente la comfort zone? Perché siamo a nostro agio con le nostre abitudini, ma quando affrontiamo cose nuove, ci sentiamo subito spaventati? Infine, quali benefici possiamo ottenere dall’abbattimento della nostra zona di comfort, e come possiamo farlo? Rispondere a queste domande è un compito arduo, ma non impossibile.

Iniziamo.

La scienza della comfort zone e perché è così difficile lasciarla

La comfort zone è uno spazio in cui le tue attività e i tuoi comportamenti si adattano a una routine che riduce al minimo lo stress e fornisce uno stato di sicurezza mentale. 

L’idea di comfort zone risale ad un classico esperimento di psicologia. Nel 1908, gli psicologi Robert M. Yerkes e John D. Dodson spiegarono che uno stato di relativo benessere crea un livello costante di prestazioni. Al fine di massimizzare le prestazioni, tuttavia, abbiamo bisogno di uno stato di relativa ansia, uno spazio in cui i nostri livelli di stress sono leggermente superiore al normale. Questo spazio è chiamato “Ansia ottimale” e si trova appena al di fuori dalla nostra comfort zone. Troppa ansia e troppo stress ci portano invece a essere meno produttivi, e la nostra performance così cala bruscamente.

Vista in questo modo la comfort zone non è una cosa negativa, ma uno stato naturale a cui la maggior parte delle persone tende.

Cosa ottieni quando ti liberi dalla comfort zone e provi cose nuove

L’ansia ottimale è quel luogo in cui la produttività e le prestazioni mentali raggiungono il loro apice. Tuttavia, “aumento delle prestazioni” e “aumento della produttività” sembrano  voler dire “fare più cose”. Cosa ottieni veramente quando sei disposto ad uscire dalla tua comfort zone?

  • Sarai più produttivo. Il comfort uccide la produttività perché senza il senso di disagio che deriva dall’avere scadenze e aspettative, tendiamo a fare il minimo necessario per tirare avanti. Perdiamo la spinta e l’ambizione di fare di più e imparare cose nuove. Cadiamo anche nella “trappola del lavoro”, in cui ci fingiamo “impegnati”, come un modo per rimanere nelle nostra zona di comfort ed evitare di fare cose nuove. Spingerti al di la de i tuoi confini personali può aiutarti a raggiungere prima il tuo obiettivo e a trovare modi più intelligenti di lavorare.
  • Gestirai meglio cambiamenti nuovi e inaspettati. Una delle cose peggiori che possiamo fare è fingere che la paura e l’incertezza non esistano. Assumendo rischi in modo controllato e sfidando te stesso, puoi sperimentare parte dell’incertezza in un ambiente controllato e gestibile.
  • Troverai più facile superare nuovi limiti. Diventerà più facile col passare del tempo riuscire a superare nuovi limiti. Quando esci dalla tua comfort zone, ti abituerai a quello stato di ansia ottimale. Il “disagio produttivo”, diventerà più normale per te, e sarai disposto a spingerti più lontano rispetto a prima.
  • Troverai più facile fare brainstorming e sfruttare la tua creatività. Quando proviamo nuove esperienze, acquisiamo nuove conoscenze che si scontrano con quelle che abbiamo già e che ci forzano a ripensare a concetti che già si trovavano nella nostra mente.

i modi per uscire dalla comfort zone

Come uscire dalla comfort zone

Ecco alcuni modi per uscire dalla tua comfort zone:

  • Fai le cose di ogni giorno in modo diverso. Prendi una strada diversa per andare a lavorare. Prova un nuovo ristorante senza aver prima controllato TripAdvisor. Anche un piccolo cambiamento, può modificare la tua prospettiva. Cerca sempre l’insegnamento che proviene da ogni cambiamento, anche se è negativo. Non scoraggiarti se le cose non funzionano come pianificato.
  • Prenditi il ​​tuo tempo per decidere. Rallenta, osserva cosa sta succedendo, prenditi il ​​tuo tempo per interpretare ciò che vedi e poi intervenire. A volte solo difendere il tuo diritto a prendere una decisione consapevole può spingerti fuori dalla tua zona di comfort. Pensa prima di reagire.
  • Fidati di te stesso e prendi decisioni rapide. Può sembrare una contraddizione, ma la comfort zone è una cosa personale, quindi chi è abituato a ragionare troppo prima di prendere una decisione dovrebbe imparare a seguire l’istinto. Così facendo imparerai a fidarti del tuo giudizio.
  • Fallo a piccoli passi. Ci vuole molto coraggio per uscire dalla comfort zone, non aver paura di iniziare lentamente. Se sei un po’ ansioso, non devi raccogliere il coraggio per chiedere alla tua cotta un appuntamento, basta dire ciao a loro e poi partire da lì. Identifica le tue paure e poi affrontali passo dopo passo .

Ci sono molti altri modi per estendere i tuoi confini personali, come imparare una nuova lingua, fare volontariato o fare il viaggio che hai sempre sognato, ma provare cose nuove è difficile. Se così non fosse, uscire dalla comfort zone sarebbe facile.  Tuttavia, non puoi vivere fuori dalla tua comfort zone tutto il tempo. Devi tornarci di tanto in tanto per elaborare le tue esperienze e per ricaricare le batterie in uno spazio sicuro.

Se l’articolo ti è piaciuto vieni a scoprire il mio blog, supereremo nuovi limiti insieme!