Unicorn: abitudini dei Founders🦄

unicort companies abitudini founders
Nel 2013, Aileen Lee, fondatrice di Cowboy Ventures, ha dato alle startup che superano il miliardo di dollari un nome speciale:

Unicorn

Una unicorn company è una startup che supera il valore di 1 miliardo di dollari prima ancora di entrare in Borsa, come Uber, Spotify, Whatsapp.
Oggi, la prestigiosa unicorn List comprende oltre 80 aziende. Poiché siamo nell’era degli unicorni, ho deciso di dare un’occhiata alle abitudini dei 25 imprenditori che hanno fondato una startup unicorn in modo che gli aspiranti futuri membri possano essere ispirati, motivati ​​ed emulare il loro successo.
contatti riccardo de bernardinis

1. Mark Zuckerberg

Il fondatore di Facebook, Re delle unicorn, ha rivelato durante una sessione di domande e risposte su Facebook che non lavora 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In realtà, lavora dalle 9 alle 17. Zuckerberg ha aggiunto, “Ma se contate tutto il tempo che mi concentro sulla mia missione, si tratta di tutta la mia vita.” Continuò dicendo: “Mi prendo un sacco di tempo solo per leggere e pensare alle cose da solo.”

2. Reid Hoffman

Mentre si trovava a South By South nel 2011, il fondatore di LinkedIn ha condiviso le sue “Dieci regole sull’imprenditoria”. Questo includeva avere un obiettivo e attenersi ad esse, ma anche essere flessibile per soddisfare le richieste dei consumatori. Hoffman afferma: “L’arte è sapere quando essere persistenti e quando essere flessibili e come combinare le due cose”.

3. Jack Dorsey

Il co-fondatore di due delle startup web di maggior successo, Twitter e Square, suggerisce ai founders di avere un diario. Secondo Dorsey, “Trova un modo semplice per monitorare i tuoi progressi.” Aggiunge, “Capirai davvero vedere come sei cresciuto, come è cresciuta la tua attività e come è cresciuta la tua leadership.”

4. Brian Chesky

Il co-fondatore di Airbnb ha confrontato la sua azienda con una nave gigante durante un’intervista a Fortune . “E come amministratore delegato sono il capitano della nave. Ma ho davvero due lavori: il primo lavoro è che devo preoccuparmi di tutto sotto la linea di galleggiamento; tutto ciò che può far affondare la nave. “Il secondo lavoro è” concentrarsi su due o tre aree di cui sono profondamente appassionato – che non sono al di sotto della linea di galleggiamento ma sulle quali mi concentro perché possono aggiungere un valore unico, migliorando l’azienda “.

Chesky aggiunge che è molto disponibile e cerca di “potenziare i leader e farsi coinvolgere solo quando ci sono buchi sotto la linea di galleggiamento”.

5. Elizabeth Holmes

“Quando la gente dice ‘Voglio iniziare un’impresa’”, ha detto il fondatore e CEO di Theranos Elizabeth Holmes durante un’intervista del 2014 a Fortune , “la mia domanda è sempre, ‘Perché?’ Perché dev’esserci una missione, deve esserci una ragione per cui lo stai facendo in modo che, per quanto sia difficile, vuoi continuare a farlo ancora, ancora e ancora, perché lo ami. ”

“E se sai cosa stai cercando di fare,” continuò, “allora si tratta di essere molto, molto aperti al fallimento.”

6. Fred Luddy

Nonostante abbia fondato ServiceNow nel 2003 e ora abbia un patrimonio netto di circa $ 400 milioni, Fred Luddy ha detto al pubblico durante una presentazione al San Diego Venture Group che “Mi sveglio tutte le mattine e tutto ciò che voglio fare è scrivere codice “.

7. Michael Baum

Baum ha lanciato sei startup di successo, tra cui Splunk nel 2003. Baum attualmente gestisce Founders.org senza scopo di lucro. In un’intervista con ReadWtite , Baum ha dichiarato: “Inventare qualcosa di nuovo e creare la struttura attorno ad esso per farlo scalare con successo richiede tempo e molto duro lavoro. Le idee sono l’1%, è l’esecuzione che conta. E l’esecuzione è incentrata sulle persone, persone di alta qualità. ”

8. Jeremy Stoppelman

Il co-fondatore e amministratore delegato di Yelp non concede molti incontri. Se esegue una riunione, utilizza il modello RASCI . Secondo Laurence Wilson , General Counsel di Yelp, “L’obiettivo è di organizzare riunioni in modo più efficiente senza il sovraccarico della riunione che a volte trovi in ​​altre aziende dove le persone abitualmente partecipano alle riunioni come un modo per dimostrare la loro rilevanza e consumare i loro giorni lavorativi”.

9. Drew Houston

Il fondatore e CEO di Dropbox crede che tutte le startup debbano risolvere un “problema degno”. Dice : “Con qualcosa come Dropbox, è stato immediatamente come,” Wow, questo è letteralmente qualcosa che chiunque abbia una connessione Internet potrebbe usare “. Tutti hanno bisogno di qualcosa del genere, non lo capiscono ancora, ”

10. Ben Silbermann

John Vrionis di VentureBeat ha dichiarato che il successo di Silbermann era dovuto alla promozione dei rapporti con i suoi cofondatori di Pinterest. Vrionis afferma : “Come ogni relazione, si avranno degli alti e bassi come fondatori, quindi è importante promuovere una relazione buona e altamente comunicativa con i tuoi co-fondatori in modo che tu possa superare quei giorni rocciosi. Di nuovo, può sembrare abbastanza semplice, ma è una di quelle cose che richiedono un’attenzione costante e possono fare la differenza. ”

11. Travis Kalanick

Durante una sessione di domande e risposte a UCLA , il fondatore di Uber ha dichiarato: “Per quelli di noi che hanno visto il successo, è nostro dovere trovare e combattere l’ingiustizia ovunque essa sia. Trovare modi per rimuovere gli ostacoli dalla strada del successo e liberare il potenziale delle grandi menti che l’ingiustizia ha tenuto lontano dalla leadership è una delle grandi opportunità per la nostra società e la nostra economia “.

12. David Karp

Nelle parole di Found founder, tramite Inc.com, “Sono molto antischedule. Ad eccezione delle riunioni del consiglio di amministrazione, non pianifico davvero le cose o non mantengo un calendario. Penso che le nomine siano caustici per la creatività. È così frustrante quando sei nel bel mezzo di una grande conversazione o di un groove di lavoro, e ti rendi conto, “Oh, ho un appuntamento. Devo scappare. “Preferisco il” chiamiamoci l’un l’altro quando abbiamo bisogno di qualcosa o vogliamo uscire “. In questo modo, non devo mai cancellare le persone, il che è sempre un peccato. La gente mi dice che ho bisogno di un assistente, ma non ne voglio uno “.

13. Alexandra Wilkis-Wilson

Il co-fondatore di Gilt Groupe ha dichiarato nel New York Times : “Di solito non prendo nessuna risposta. Ho un approccio alla vita pieno di vetro e mezzo. Se qualcuno dice forse, è un forse, e se qualcuno dice no a me, è anche un forse. ”

14. Kevin Systrom

Kevin Systrom, che ha fondato Instagram, unicorn acquisita da Facebook, ha dichiarato a Fast Company che “I prodotti possono introdurre più complessità nel tempo, ma per quanto riguarda il lancio e l’introduzione di un nuovo prodotto sul mercato, è un problema di marketing.” Systrom ha aggiunto: “Devi spiegare tutto lo fai, e le persone devono capirlo, in pochi secondi. ”

contatti riccardo de bernardinis

15. Phil Libin

L’ex fondatore e CEO di Evernote ha spiegato la sua compagnia unica con il New York Timesnel 2012. Libin ha spiegato che “Abbiamo una struttura piatta e molto aperta. Nessuno ha un ufficio. In realtà, non ci sono vantaggi che sono segni di anzianità. Ovviamente, ci sono differenze nella compensazione, ma non ci sono simboli di stato. Certamente non hai un posto migliore o qualcosa del genere, perché sono semplicemente inutili. Creano barriere artificiali alla comunicazione. Creano cose artificiali su cui le persone si concentrano piuttosto che ottenere il loro lavoro. Cerchiamo di avere un’organizzazione che ti aiuti a portare a termine il tuo lavoro, quindi il mio compito è eliminare tutti i rischi e tutte le distrazioni, così puoi concentrarti solo sul raggiungimento. Ciò attira le persone che sono principalmente motivate da quanto ottengono. ”

16. Aaron Levie

Il fondatore e CEO di Box, così come l’imprenditore dell’anno 2013 , racconta alle reclute “Siamo all’avanguardia di un’industria davvero trasformativa.” Conclude il suo discorso di incoraggiamento “Quindi assicurati di lavorare il più duramente possibile per fare certo che vinceremo. ”

17. Renaud Laplanche

L’ex avvocato francese trasformato il fondatore di Lending Club ritiene che i dipendenti apprezzino lavorare per lui perché “Le persone apprezzano la mia capacità di connettere i punti e mostrare loro il quadro generale e il modo in cui il loro lavoro quotidiano si inserisce in questo quadro generale.” Tuttavia, ” Non ho bisogno di un sacco di sonno, quindi questo influisce quando potrei chiamarli. Ho bisogno di circa cinque ore di sonno a notte.

18. Phil Fernandez

Per il primo anno della sua esistenza, il fondatore di Marketo uscì e chiese alle CMO quali fossero le loro maggiori preoccupazioni. Racconta a Forbes : “Il mio co-fondatore e io abbiamo iniziato la compagnia chiamando a freddo i CMO per chiedere loro cosa li teneva svegli di notte. È stato un momento catartico in un’istanza che ascoltava un CMO che raccontava di essere stata portata alle lacrime dal suo consiglio perché era stata sfidata a fornire informazioni sul ROI di marketing per cui non aveva le risposte. Marketo è stato creato per aiutare a rispondere a queste domande”.

19. Steve Harner

Durante un’intervista con Skift , il fondatore di Kayak, Steve Harner, ha dichiarato coraggiosamente: “A Kayak non abbiamo mai voluto essere il luogo in cui le persone finiscono le prenotazioni di viaggio. L’abbiamo fatto solo come passaggio provvisorio perché i siti web e le applicazioni mobili di altri partner di viaggio erano così dannosi. Non è più così. Il posto migliore per acquistare un biglietto dell’American Airlines è in realtà sul proprio sito web o tramite la propria app. Non è quello di acquistarlo su Kayak o su Expedia per questo.

20. Guy King

In solo un paio d’anni, RetailMeNot è passato da un investimento di $ 30 ad essere acquisito da Whaleshark Media nel 2010. Dopo l’acquisizione, il co-fondatore Guy King ha detto del suo futuro: “Penso che sarà molto simile a quello che siamo facendo ora – adoriamo creare app web. Quindi penso che continueremo a farlo. ”

21. Holly Liu

Il fondatore di Kabam, Holly Liu, afferma che il successo della sua società di giochi sociali è dovuto al fatto che la società ha abbracciato una cultura globale. “Costruire una cultura globale ti aiuta ad avere successo.” Ha aggiunto all’evento Gaming Insiders di San Francisco nel 2015 che “la nostra visione è quella di essere la migliore compagnia globale di giochi free-to-play”.

22. Mark Vadon

Il co-fondatore di Zulily, che è noto per stare fuori dai riflettori, ha detto alla folla che il GeekWire Summi t, “” In una startup, se le cose stanno andando bene, vuoi essere veramente tranquillo. “Ha aggiunto,” Quando tu stanno perforando e tu colpisci una chiazza di petrolio, l’ultima cosa che vuoi è che le persone arrivino e perforino proprio accanto a te. ”

23. Julia Hartz

Il co-fondatore di Eventbrite ha spiegato a Forbes che “Anche se abbiamo superato il marchio di 500 dipendenti, facciamo del nostro meglio per operare ancora come una squadra piccola e snella. Siamo orgogliosi di aver costruito una cultura basata sulla trasparenza e sulla comunicazione in tempo reale. Kevin e io teniamo sessioni settimanali chiamate ‘Hearts to Hartz’ dove diamo aggiornamenti di business, rivediamo le nostre metriche chiave dell’azienda, condividiamo notizie interessanti dai team e rispondiamo a qualsiasi domanda che i Britelings (come noi stessi chiamiamo) possano avere. Se le persone non sono disposte a chiedere faccia a faccia (a noi piacciono le domande difficili!), Offriamo anche un modo anonimo e digitale. ”

24. Uri Levine

Dopo aver venduto la sua compagnia Waze a Google, avresti pensato che Uri Levine avrebbe goduto i suoi soldi godendosi gli hobby come il ciclismo e lo sci. Tuttavia, Levine ha detto che “Fare molto bene a molte persone è l’unica cosa a cui tengo.” Ecco perché è coinvolto in un’altra startup Feex perché vuole aiutare i clienti a rendersi conto di ulteriori oneri finanziari.

25. Mark Pincus

Pincus ha fondato la società di social gaming Zynga, a sinistra, ed è tornata. Pincus ha dichiarato a Venturebeat nel 2015 che, “Quando sono tornato 100 giorni fa circa, ho detto che le mie ragioni per tornare indietro – credo nella nostra fondamentale visione fondante del social gaming”.

Per avere più informazioni sulla storie della unicorn list contattami!

contatti riccardo de bernardinis